Gradimento sindaci: Salvetti è il primo della Toscana e quinto in Italia. Tomasi uno dei pochi in crescita

NewTuscia – Firenze – Dal sondaggio de Il Sole 24 Ore sulla popolarità per i governatori e i sindaci in Italia emerge che il consenso per il presidente della Toscana Enrico Rossi dal giorno dell’elezione (2015) al 2019, nel post-Covid, è calato di due punti percentuali dal 48 al 46%. In classifica si trova al pari con Vincenzo De Luca della Campania, che partiva però dal 41,1% e ha guadagnato quasi 5 punti percentuali. Al top della classifica Luca Zaia del Veneto, che dal 50,1% ha guadagnato ben 20 punti percentuali arrivando al 70% di popolarita, risultato unico.

Il sondaggio «Governance Poll» è stato realizzato per Il Sole 24 Ore da Noto Sondaggi. Il campione è di 1.000 elettori in ogni Regione e Comune, disaggregati per sesso, età ed area di residenza. Le interviste sono state effettuate dal 5 al 30 giugno. Le modalità di somministrazione dei questionari: le interviste sono state effettuate con sistemi misti (telefoniche con l’ausilio del sistema Cati, telematiche tramite il sistema Cawi e con il sistema Tempo reale). Il margine di errore è di + o – 4%.

Gradimento sindaci Toscana

Andando a vedere invece l’indice di gradimento sindaci Toscana delle città capoluogo, a sorpresa tra le primissime posizioni troviamo Luca Salvetti, sindaco di Livorno che ha chiuso l’esperienza del M5S con un ritorno al centrosinistra. Il gradimento a inizio mandato era del 63,3%, il calo è stato del 2,8% arrivando al 60,5, un risultato comunque importantissimo che lo qualifica al quinto posto.

Gli altri toscani appaiono alla 34esima posizione. Sono Dario Nardella, sindaco di Firenze, eletto nel 2019 per il secondo mandato con un gradimento del 56%, a fronte del 57,1% dello scorso anno; a ruota Francesco Persiani, sindaco di Massa, con lo stesso gradimento ma una perdita minore rispetto al giorno dell’elezione due anni fa (56,6%).
Ancora Toscana al 38esimo posto, con Alessandro Tomasi sindaco di Pistoia che guadagna rispetto al 2017 uno 0,9% (dal 54,3 al 55,2%).
Scendiamo ancora al 52esimo posto con Alessandro Ghinelli sindaco di Arezzo e in scadenza elettorale. Dopo 5 anni il gradimento è salito dal 50,8 al 53,4%, con un incremento del 2,6%. Ghinelli si trova a pari merito con il sindaco di Milano Giuseppe Sala.
Poco più giù Michele Conti, sindaco di Pisa, salito dal 52,3% al 53% dopo due anni di mandato.
A Grosseto il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna, 4 anni dopo l’elezione, cala di un 3,1% dal 54,9 dell’elezione al 51,8%.
I prossimi sono i sindaci di Prato Matteo Biffoni e quello di Siena Luigi De Mossi. Entrambi sono al 50%, il primo con un calo di 6,1 punti percentuali a solo un anno dalla rielezione.
Attutisce la caduta invece il primo cittadino della Città del Palio con un solo 0,8% di calo percentuale.
Arriviamo nella parte bassa della classifica. All’85esimo posto Alessandro Tambellini cede un 1,1% di gradimento finendo al 49,4% a 3 anni da inizio secondo mandato. È il fanalino di coda per quanto riguarda la nostra regione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *