Covid19, De Pasquale: «Ancora troppi morti, a Carrara 69 di cui 39 nella seconda ondata».

NewTuscia Toscana – CARRARA – Ecco l’intervento del Sindaco di Carrara alla comunità cittadina.

“Care concittadine e cari concittadini il mio intervento di oggi arriva in una fase particolarmente delicata della pandemia.
Come riportano le notizie di stampa, nella giornata di ieri nella nostra provincia addirittura ci sono stati 10 decessi, il numero più elevato registrato da quando è iniziata l’emergenza nell’arco delle 24 ore. Questo significa che dall’inizio della pandemia nella nostra provincia sono 370 persone, 187 nella seconda ondata. Per quanto riguarda il nostro comune, i decessi da Covid sono 69 morti di cui 39 nella seconda ondata. Questi numeri sono davvero drammatici. Condividiamo l’appello dei sindacati sulla necessità di chiarire le ragioni di una mortalità così elevata e per questo mi prendo l’impegno di riportare tale richiesta alle istituzioni competenti.

Per quanto riguarda il trend del contagi, secondo i dati dell’azienda sanitaria oggi  nel nostro territorio comunale abbiamo 339 persone positive a domicilio, 31 ricoverate in ospedale e 7 in strutture, per un totale di 377 casi attivi.
Il virus quindi non si ferma mentre ancora non sappiamo quali saranno i provvedimenti di contenimento che scatteranno nei prossimi giorni. Mentre vi parlo infatti non sono ancora stati resi noti i contenuti del nuovo decreto che darà le indicazioni a cui attenersi nelle ormai imminenti festività natalizie.
In attesa di conoscere le disposizioni del governo però, proprio alla luce dei dati sull’andamento dei contagi e delle vittime, mi sento di chiedervi di comportarvi con la massima prudenza. Il clima delle feste non deve indurci ad allentare l’attenzione e ad abbassare il livello di guardia. E’ fondamentale che anche nei prossimi giorni, indipendentemente dalle misure che verranno introdotte, continuiamo tutti a indossare sempre la mascherina,  a igienizzare spesso le mani, a mantenere sempre le distanze di sicurezza.
Dobbiamo attenerci a questi comportamenti in tutti i momenti della giornata e in ogni occasione. Anche, ad esempio, quando ci rechiamo ad acquistare i regali natalizi. Vi ho più volte chiesto di farlo nei negozi di vicinato e per incentivare questa pratica abbiamo disposto due ore di sosta di cortesia nel centro città, dove normalmente si paga il ticket. So che si tratta di una goccia nel mare ma anche questo è un modo per provare a sostenere i nostri concittadini commercianti.
A nome di tutta la città voglio rivolgere un pensiero speciale a coloro che stanno combattendo contro il covid o contro altre malattie. Questa pandemia ha sconvolto le nostre vite ma non possiamo e non dobbiamo arrenderci. Continuiamo a sperare”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *