Firenze. Al via “Mieloma ti sfido 2020”

FIRENZEMieloma ti sfido. Io non mi lascio cadere”, la campagna di sensibilizzazione promossa da Ail (Associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma onlus) insieme a La Lampada di Aladino, approda a Firenze con due testimonial d’eccezione, i campioni olimpici di scherma Aldo Montano ed Elisa Di Francisca.

L’installazione itinerante “I Duellanti”, allestita in piazza della Repubblica con il patrocinio della Regione Toscana e del Comune di Firenze e inaugurata oggi, sarà visibile fino al primo febbraio. L’obiettivo? Richiamare l’attenzione su questa forma aggressiva di tumore del sangue, ancora poco conosciuta e che condiziona la qualità di vita dei pazienti.

“Ancora una volta lo sport si mette al servizio della salute, proponendo corretti stili di vita e modelli di comportamento, che aiutino ad affrontare sfide importanti come possono essere le malattie – ha dichiarato l’assessore al diritto alla salute, al welfare e all’integrazione sociosanitaria Stefania Saccardi -. Da tempo lavoriamo su queste tematiche in stretta collaborazione con le associazioni, che ringrazio per essere accanto ai malati e alle loro famiglie sempre con grande impegno e generosità. I contenuti di questa campagna di sensibilizzazione aiutano a diffondere la consapevolezza di una malattia importante, che va riconosciuta in tempo per una diagnosi precoce e il miglioramento della prospettiva di vita. Si tratta di messaggi positivi di speranza grazie ai progressi della ricerca e a una comunità che sa fare rete a tutti i livelli”.

In Toscana sono circa 250 i nuovi casi diagnosticati ogni anno e diverse centinaia i pazienti, che convivono con la malattia e che possono avvalersi di Centri ematologici di eccellenza come quello dell’Azienda ospedaliero universitaria di Careggi, a Firenze, con ambulatori, day hospital, équipe dedicati.

Oggi gli esiti delle ricerche medico scientifiche in termini di nuovi farmaci, le diagnosi più precoci e la disponibilità di terapie come quella di mantenimento dopo il trapianto di cellule staminali autologhe, hanno migliorato molto la qualità di vita dei pazienti e aumentato la loro possibilità di sopravvivenza, che rispetto a dieci anni fa si è pressoché raddoppiata. I progressi nella ricerca e nella cura del Mieloma multiplo sono frutto di un obiettivo sfidante ben preciso: trovare una cura definitiva per questa patologia, che richiede un approccio multidisciplinare.

Dopo i linfomi non-Hodgkin, il Mieloma multiplo è il secondo tumore del sangue per diffusione e colpisce prevalentemente le persone anziane – in prevalenza dopo i 60 anni – ed è caratterizzato dall’alternanza tra periodi di remissione, grazie all’efficacia delle attuali terapie, e la comparsa di recidive che hanno un impatto pesante sul piano fisico che psicologico.

In Italia si registrano ogni anno circa 6.000 nuovi casi di Mieloma multiplo. In Toscana, l’incidenza è di 230-250 nuove diagnosi ogni anno e con diverse centinaia di pazienti, che convivono con questa malattia onco-ematologica. Numeri significativi in una regione di circa quattro milioni di abitanti.

In Toscana i pazienti possono avvalersi sia di Centri ematologici di eccellenza sia del sostegno di associazioni di volontari impegnati in prima linea come la sezione Ail di Firenze, attiva sul territorio dal 1972, anno della sua fondazione.

Oggi i pazienti con Mieloma multiplo sono, quindi, sempre meno soli nel loro percorso di cura grazie al lavoro infaticabile e integrato di medici, infermieri, ricercatori e caregiver, e al sostegno di campagne di sensibilizzazione, supportate da associazioni come Ail e La Lampada di Aladino.

La campagna di sensibilizzazione sul Mieloma multiplo, che tra il 2018 e il 2019 ha interessato 8 città (Ancona, Bari, Bologna, Milano, Napoli, Palermo, Torino, Roma), prosegue, dunque, il suo cammino di sensibilizzazione scegliendo Firenze come prima tappa del 2020. Sarà successivamente a Brescia, a Catania, a Udine e a Verona. La metafora della scherma e della sfida tra duellanti, con il coinvolgimento di Aldo Montano (medaglia d’oro nella sciabola ai Giochi olimpici di Atene 2004) e di Elisa Di Francisca (due ori nel fioretto alle Olimpiadi di Londra 2012 e l’argento alle Olimpiadi di Rio 2016) vuole essere un invito a non arrendersi mai e a superare le sfide della vita e, nel caso specifico, a confidare nella ricerca e nelle terapie che allontano le ricadute.

“I veri campioni sono i pazienti che combattono ogni giorno contro la malattia e in questa lotta sono soli perché in loro devono trovare prima la forza e la volontà per reagire – ha sottolineato Montano -.La squadra che supporta fa il resto e quando la malattia incalza, rimonta e sembra che abbia preso il sopravvento sai dove colpire per sconfiggere l’avversario”.

La campagna, che ha il patrocinio di Gimema (Gruppo italiano malattie ematologiche dell’adulto), Gitmo (Gruppo italiano per il trapianto di midollo osseo, cellule staminali, emopoietiche e terapia cellulare), Coni (Comitato olimpico nazionale Italiano) e Fis (Federazione italiana scherma), invita, inoltre, a unirsi alla sfida, scattando un selfie nei pressi dell’installazione di piazza della Repubblica e condividendolo sui propri profili social insieme all’hashtag #iotisfido. La sfida prosegue anche sul web: il video della campagna con Aldo Montano ed Elisa Di Francisca è online su www.mielomatisfido.it e la pagina Facebook “Mieloma Ti Sfido”.

Alla presentazione di oggi, 30 gennaio, in Palazzo Strozzi Sacrati, hanno preso parte, fra gli altri, gli assessori alla sanità e allo sport del Comune di Firenze Andrea Vannucci e Cosimo Guccione, il direttore della struttura operativa dipartimentale di Ematologia dell’Azienda ospedaliero universitaria di Careggi e professore ordinario di malattie del sangue dell’Università degli Studi di Firenze Silvio Fusari, il medico della Sod Ematologia di Careggi Elisabetta Antonioli, il professore Giuseppe Turchetti della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Donata Castelli del direttivo La Lampada di Aladino, il presidente Ail di Firenze Alberto Bosi, che ha portato i saluti del presidente nazionale Sergio Amadori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *