Fughe in avanti e promesse disattese: la Toscana resta arancione

NewTuscia – Toscana: La riunione tenutasi oggi tra componenti del Governo, rappresentanti delle regioni, Comitato Tecnico Scientifico ed Istituto Superiore di Sanità ha dato il risultato che in molti temevano che giungesse: la Toscana rimane in zona arancione, almeno per un’altra settimana. A pesare sono stati vari fattori, tra cui il numero degli occupanti delle terapie intensive e i contagi avvenuti nelle Rsa. Masticano quindi amaro i cittadini toscani e mastica amaro anche il Presidente Giani, che da tre settimane va vaticinando un cambio di colore che non arriva e della cui mancanza comincia ad avvertire le responsabilità.

Ricordiamo nel dettaglio cosa comporta la zona arancione per la popolazione : è vietato uscire dal proprio comune e dalla propria regione, salvo che per esigenze di lavoro, studio, salute e necessità, da indicare sul modulo di autocertificazione, autocertificazione che, dunque, resta in vigore ed è sempre da esibire nel caso vi siano controlli.

Bar, ristoranti e pasticcerie rimangono chiusi h24, ad esclusione di catering e mense. Resta attivo il servizio di asporto fino alle 22 e con divieto di consumazione nei pressi del locale, e il sevizio di consegna a domicilio.

Resta la didattica in presenza per le scuole dell’infanzia e le elementari. Anche le medie tornano in presenza. Didattica a distanza per gli studenti delle superiori. Saranno sempre chiuse le università, salvo alcune attività per le matricole e i laboratori. Sui mezzi pubblici la capienza resta
al 50% ad eccezione dei mezzi di trasporto scolastico. Rimangono chiuse palestre, piscine e centri benessere. Rimangono chiusi musei e mostre, teatri e cinema. Restano sospese anche le attività di sale scommesse, bingo e slot machine anche nei tabaccai.

Sono chiusi i centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi, ad eccezione di farmacie e parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, edicole e tabaccherie al loro interno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *