“Manca la volontà politica di investire sui luoghi della cultura pistoiese”. La protesta di Città in Cammino

NewTuscia Toscana, PISTOIA: “Nella scorsa seduta si sono discusse in consiglio comunale, fra le altre, la mozione presentata da Federica Bonacchi di Pistoia Città di Tutti, riguardante la Biblioteca San Giorgio e quella presentata da Walter Tripi, del Partito Democratico, riguardante la medesima tematica. Le mozioni sono state discusse insieme per la sostanziale sovrapponibilità degli argomenti, ovvero l’ampliamento degli orari della biblioteca San Giorgio, la messa a disposizione di ulteriori spazi studio e il miglioramento e l’ampliamento delle reti internet wifi”. Così in una nota stampa Città in Cammino, un gruppo di ragazze e ragazzi attenti alle problematiche cittadine, attivo da oltre un anno, che si occupa di argomenti sensibili per il vivere comune. La biblioteca San Giorgio ed il diritto allo studio sono alcuni di questi.

“Il consigliere del Movimento 5 stelle Nicola Maglione – proseguono da Città in Cammino – ha presentato tre emendamenti, scritti in collaborazione con noi, che andavano ad ampliare ed integrare le mozioni. Tali emendamenti, tutti accolti da coloro che avevano proposto tali atti, riguardavano: l’apertura domenicale della biblioteca San Giorgio dalle ore 14 alle ore 19; l’aumento delle prese della corrente per consentire a più utenti di lavorare con computer o tablet; l’installazione di un fontanello dell’acqua pubblica”.

“Ci duole comunicare – hanno proseguito da Città in Cammino – che le mozioni sono state entrambe respinte. I voti contrari sono stati di Pagliai Giampaolo (Gruppo Forza Italia Centristi per l’Europa), Galligani Lorenzo (Fratelli d’Italia) e Cerdini Cinzia (Lega Nord Salvini Premier). Si sono invece espressi a favore Maglione Nicola (Movimento 5 stelle), Tripi Walter (Partito Democratico), Tuci Mario (Partito Democratico), Alberti Alvaro (Partito Democratico), Cotti Antonella (Partito Democratico), Breschi Carla (Gruppo indipendente), Bonacchi Federica (Pistoia Città di Tutti). Il Sindaco e gli altri consiglieri presenti si sono astenuti”.

“Considerando – prosegue la nota – la debolezza di molte delle argomentazioni addotte per respingere le mozioni (“non è il momento giusto”) e la falsità di altre (“è già stata fatta una stanza studio all’Uniser”), emerge nitidamente la volontà politica di non investire sui luoghi della cultura pistoiese. Volontà che è stata anche più o meno implicitamente ammessa quando si è fatto riferimento ad una “impossibilità di ampliamento del personale” e ad una “mancanza di risorse”, evitando però di precisare che tutto dipende dalle priorità che l’amministrazione decide di darsi”.

“Prendiamo atto – concludono gli esponenti di Città in Cammino – che questi temi non occupano i pensieri della maggioranza la quale, anzi, probabilmente li reputa del tutto marginali. Noi continueremo a lottare per migliorare il già ottimo servizio che la Biblioteca San Giorgio offre ai pistoiesi, in quanto centro nevralgico della cultura e principale spazio di aggregazione. La cultura non deve essere lasciata indietro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *