“Settimana Europea della Mobilità”: “BIT Mobility” a Prato per supportare la mobilità elettrica

NewTuscia – Toscana – PRATO

In occasione della Settimana Europea della Mobilitàda oggi giovedì 16 al 22 settembreBIT Mobility organizza a Prato una serie di iniziative a supporto della mobilità sostenibile.

Venerdì 17 e sabato 18 settembre in Piazza Duomo, dalle ore 17 alle ore 21, l’azienda promuoverà due giornate di formazione sulla sicurezza e sul corretto utilizzo dei monopattini in sharing, presenti in città dal mese di maggio.

L’evento si chiama Guida sicura con BIT e rientra in una serie di iniziative che l’azienda organizza per sensibilizzare cittadini e utenti attraverso informazioni e una dimostrazione pratica sulle regole da rispettare quando si usa un monopattino (rispetto delle regole relative alla sicurezza stradale, divieti e norme di circolazione). I partecipanti potranno anche effettuare un test drive dimostrativo.

Per tutta la settimana dedicata alla mobilità verrà inoltre attivato un codice, MOBILITYWEEK2021, attraverso cui sarà possibile ottenere 30 minuti di corsa gratuita.

L’aspetto della sicurezza, oltre a quello dell’ecosostenibilità, è fondamentale, come sottolinea l’assessore alla Mobilità Flora Leoni, e questi due obiettivi sono ad esempio orientati anche i progetti del Pedibus, per andare a scuola a piedi, e del rifacimento della viabilità interna al Polo scolastico San Paolo.

“La mobilità elettrica fa parte ormai della nostra vita quotidiana e crediamo sia importante utilizzare la Settimana Europea della Mobilità per raccontare e dare dimostrazione dei tantissimi benefici che la mobilità sostenibile è in grado di offrire, con un occhio sempre rivolto alla sicurezza. – aggiunge Michela Crivellente, co-fondatrice di BIT Mobility – La sicurezza non dipende dal mezzo, ma dalle persone che lo usano, ed è per questo che nella filosofia BIT Generation abbiamo deciso di investire nell’attività di divulgazione e educazione all’uso del monopattino che sta rivoluzionando il modo di spostarsi nelle città”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *