Un Musetti da sballo umilia Wawrinka agli Internazionali Bnl d’Italia

Un lampo azzurro squarcia il cielo scuro che avvolge il centrale di Roma, che ospita il torneo di tennis più importante che tocchi il nostro Paese nel corso del calendario ATP: è Lorenzo Musetti, classe 2002, carrarino, città che, in quanto a talenti sportivi, ha già dato parecchio. Il ragazzo, alla sua prima partecipazione al torneo, ha sconfitto Stan Wawrinka, un passato ed un presente al vertice del tennis elvetico e mondiale, con il punteggio di 6-0 6-4. Una prova di forza impressionante che proietta lo stesso Musetti tra i grandi del tennis mondiale.

Il primo set è clamoroso finisce in 23 minuti, 6-0. Per Musetti. Qualcosa di incredibile, con l’azzurro che sfodera colpi eccezionali ed una tenuta mentale invidiabile per un ragazzo di diciotto anni. Un dritto migliorato tantissimo negli ultimi mesi, colpi incrociati di rovescio che fanno paura, una capacità di improvvisazione e di adattarsi al gioco dell’avversario. Wawrinka va in confusione, spesso è in ritardo nei movimenti e non riesce ad arginare l’esuberanza del giovane virgulto. 6-0 in 23 minuti. Un set che ha un unico rimpianto: l’assenza di pubblico.

Il secondo set si apre come si era concluso quello precedente: Musetti fa break, e va avanti 2-0. Wawrinka prova una reazione e riesce ad fare controbreak e riportarsi sul 3-3. Comincia una battaglia di nervi: 4-4 con palla per un nuovo break annullata a Musetti. Poi 5-5. Wawrinka riesce a garantirsi il tiebreak, portando a casa, con fatica, l’undicesimo game. Musetti rende pan per focaccia: tiebreak. E lì succede di nuovo l’incredibile: Musetti, con una tempra da campione, realizza un exploit portando a casa game, set and match per 7-1. In un centrale purtroppo vuoto c’è solo Musetti, che quasi non crede a quello che ha fatto. Ed adesso sotto a chi tocca, in un torneo in cui il tennista carrarino ha già fatto già qualcosa di incredibile, comunque vada

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *