Unione Artigiani Italiani e delle Pmi: le richieste al Governo

NewTuscia – ROMA – Occorrono misure straordinarie ed urgenti per affrontare l’emergenza Coronavirus. E’ la richiesta che l’Unione Artigiani Italiani e delle PMI ha inoltrato al Governo attraverso una lettera ufficiale:

“Nell’esprimere il profondo ringraziamento – si legge nella missiva indirizzata al premier Conte – per gli sforzi e le misure messe in atto finora atte al contenimento ed alla cura dell’infezione sanitaria, la Confederazione Datoriale e le Federazioni di Settore, allo stesso tempo sono seriamente preoccupate per il panico e la preoccupazione che si stanno vivendo le micro imprese e quelle artigiane in questi momenti difficili. Dai dati che ci pervengono quotidianamente, molte sono le aziende di questo segmento dell’economia che stanno pensando di licenziare dipendenti o addirittura di cessare l’attività. Riteniamo che bisogna intervenire immediatamente, con la rassicurazione che in questa fase non vi siano trattamenti dispari tra Imprese di serie A e serie minori e che il Governo intervenga al sostegno di tutte le realtà produttive”.

A tal riguardo l’Unione Artigiani Italiani suggerisce alcune misure:

  1. a) Risorse per lavoratori e la totalità delle partite IVA di un importo non inferiore ai 100 miliardi di euro in deficit;
  2. b) Slittamento di tutti gli adempimenti Fiscali e di altra natura almeno fino al 31 luglio 2020 in modo da poter ripartire immediatamente e con grande slancio finita l’esigenza sanitaria;
  3. c) Sospensione di tutte le forme di pagamento sia dirette che indirette sempre fino al 31 luglio 2020 e le stesse diluite in 12 mesi senza interessi;
  4. d) Prestiti alle imprese per pagamento di fatture a tasso dello zero finanziato dalla Cassa Depositi e Prestiti;
  5. e) Ammortizzatori sociali in deroga senza accordi sindacali a tutte le partite IVA che abbiano anche un solo dipendente con pagamento diretto da parte dell’INPS per un periodo minimo di tre mesi.
  6. f) La possibilità di derogare a quanto previsto nel D.Lgs 81/08 per dare la possibilità alle aziende di formare i loro dipendenti con la formazione in FAD anche per il tramite dei fondi interprofessionali nella totalità delle ore di formazione.

“Questi – conclude la nota – sono a nostro avviso gli interventi prioritari da mettere in campo immediatamente, perché la paura riscontrata in questi giorni dai piccoli artigiani è forte e non vorremmo in alcun modo dopo la crisi sanitaria dover combattere anche con una grave crisi economica che sarebbe deleterio per il paese e le famiglie italiane”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *