CAMAIORE (LU): DONNA RAPINATA IN MEZZO ALLA STRADA, ARRESTATO IL RESPONSABILE.

NewTuscia – Toscana  – CAMAIORE (LU)

Intorno alle 17 di ieri, a Camaiore, una ragazza, mentre camminava in via Battisti, è stata avvicinata da uno sconosciuto che con una mossa fulminea le ha afferrato la borsa per portargliela via.

La vittima si è subito opposta ed il malvivente ha prima provato a sferrarle un pugno, fortunatamente senza riuscire a colpirla, poi l’ha spinta in terra e si è appropriato della borsa dandosi alla fuga a bordo di uno scooter condotto da un complice.

Tuttavia, le urla della ragazza hanno attirato l’attenzione del suo convivente che, trovandosi poco distante, è subito accorso in aiuto riuscendo a bloccare la via di fuga ai malviventi, i quali però lo hanno poi spintonato e colpito con un pugno al volto riuscendo a svincolarsi.

Nella circostanza, sono intervenuti i Carabinieri, una pattuglia del Commissariato di P.S. di Viareggio ed una della Polizia Locale di Camaiore, nel frattempo allertati, che sono riusciti a bloccare uno dei malviventi mentre il secondo riusciva a dileguarsi a piedi dopo aver abbandonato lo scooter.

Il malvivente dunque è stato condotto in caserma e dichiarato in arresto per il reato di rapina in concorso e, dopo le formalità di rito, è stato condotto presso la Casa Circondariale di Lucca come disposto dall’Autorità Giudiziaria lucchese.

Si tratta di L.A., classe ’88, residente a Camaiore, già noto alle forze di polizia, il quale, oltre al reato di rapina in concorso, è accusato anche del reato di evasione poiché si trovava già sottoposto agli arresti domiciliari.

L’intera refurtiva inoltre è stata recuperata dai Carabinieri che hanno poi provveduto a restituirla alla legittima proprietaria.

A seguito della rapina, la vittima ha avuto necessità delle cure mediche presso l’Ospedale Versilia di Lido di Camaiore da dove è stata poi dimessa con una prognosi di 7 giorni per contusioni varie a seguito della caduta in terra.

Intanto i Carabinieri stanno proseguendo le indagini per risalire all’identità dell’altro complice riuscito a dileguarsi, che potrebbe avere le ore contate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *