Chi fa il compost risparmia sulla Tari. Scaletti: «Più sgravi per ridurre i conferimenti agli impianti»

NewTuscia Toscana – CARRARA – Più compost, meno conferimenti agli impianti e da oggi maggiore risparmio per i cittadini: è la formula su cui ha puntato l’amministrazione comunale con il nuovo “Regolamento relativo alla pratica del compostaggio domestico” approvato nella seduta di mercoledì dal consiglio comunale. Si tratta del testo che disciplina la pratica sia per quanto riguarda la frazione dell’organico sia per quella del verde: attraverso il procedimento i rifiuti umidi e vegetali vengono trasformati in compost, un terriccio molto efficace come fertilizzante per orti e giardini.

Grazie al compostaggio dunque si riducono i conferimenti in discarica, si ottiene un ottimo fertilizzante e da oggi si ha anche uno sconto sulla Tari: «Abbiamo incrementato gli sgravi per chi fa il compostaggio domestico, con l’obiettivo di favorire la pratica e quindi ridurre la quantità complessiva di rifiuti destinati agli impianti » ha spiegato l’assessore all’Ambiente Sarah Scaletti. Il regolamento disciplina le modalità di compostaggio e rimanda al regolamento della Tari per gli sgravi riservati a coloro che dimostrano di effettuare questa pratica: gli sconti sono stati incrementati al – 6% per gli utenti che usufruiscono del servizio di raccolta differenziata per la frazione dell’organico e al -10% per coloro che non hanno accesso al servizio, come ad esempio i paesi a monte.

L’iniziativa è riservata alle utenze domestiche che abbiano in disponibilità un terreno e che effettuino il compostaggio in modo continuativo e non occasionale: per beneficiare degli sgravi gli utenti dovranno presentare apposita istanza al Comune di Carrara, un passaggio a cui sono tenuti anche coloro che avevano già sottoposto la richiesta in passato. Il municipio si riserva la facoltà di effettuare controlli. Per informazioni e dettagli è possibile rivolgersi all’Ufficio Ambiente del Comune di Carrara al numero 0585 641572

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *