I dati in Toscana migliorano, il Presidente Giani: “Dal mese prossimo potremo rientrare in zona arancione”

NewTuscia Toscana – FIRENZE – “Il tracciamento è stato portato al 98% grazie ai 500 giovani laureandi in medicina che stanno lavorando incessantemente in tre località toscane”. Inizia così il suo breve intervento mattutino il Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, che come di consueto aggiorna sulla situazione della pandemia: “Questi ragazzi sono tra coloro che hanno contribuito a far allineare la Toscana a condizioni che oggi sono da Zona Arancione, anzi, forse anche da Zona Gialla”.

“Oggi abbiamo 1.117 contagiati, un numero che, rispetto ai 2.700 e più di un mese fa, ci consente di programmare a metà della prossima settimana il rientro in Zona Arancione”. Giani aggiunge che occorre senso di responsabilità e pazienza perché si dovrà attendere la fine dell’iter previsto dal comitato tecnico scientifico e il conseguente periodo di 14 giorni previsto dalla legge, prima di poter veder riconosciuti provvedimenti che possano intervenire sul colore della regione: “Stamani ho parlato col Ministro Speranza, per risalire dobbiamo garantire una continuità di dati positivi fino al 29 novembre, dopodiché, a partire dalla prossima riunione del comitato tecnico scientifico, dal 4 dicembre, la Toscana potrà tornare Zona Arancione”.

Giani si dimostra quindi ottimista rispetto ai dati e al prossimo futuro, e assicura che durante questa ultima settimana che separa dalle nuove decisioni, adeguerà alle condizioni da Zona Rossa alcune attività: “Cercherò già da domani di interpretare attraverso un’ordinanza alcune necessità, come la tolettatura per gli animali, l’attività dei raccoglitori e cercatori di olive e tartufi, così come anche le questioni relative alla caccia”. Il Presidente termina quindi il suo intervento con l’auspicio che, se i dati rimarranno incoraggianti come lo sono stati fino ad oggi, la Regione Toscana possa trascorrere le vacanze natalizie come Zona Gialla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *